Guarda l'articolo su BALBUZIE-NEWS Channel

Scarica l'articolo in PDF

 


Bambini sottopeso, la causa è genetica. Adesso si sa che è un fattore di rischio per la balbuzie


Una ricerca su migliaia di bambini sottopeso alla nascita ha rivelato che hanno una probabilità dalle due alle tre volte maggiore di sviluppare balbuzie. Lo studio pubblicato dalla rivista statunitense Maternal and child health journal ha coinvolto un numero grandissimo di bambini. Una ricerca dal potere statistico molto alto, si tratta infatti di ben 87.578 bambini dai 3 ai 17 anni di età di cui sono stati analizzati i dati di peso alla nascita. In precedenza, gli studi sui bambini nati sottopeso avevano già destato allarme tra i genitori e scalpore tra i pediatri quando era emerso che il minor peso alla nascita incide anche sulla riuscita negli studi futuri. I bambini nati sottopeso riescono infatti, secondo la ricerca, quattro volte meno negli studi che non i fratelli di peso superiore: solo il 15 % di loro si diploma all’età prevista. “La nascita sottopeso è oggetto di studio e sembra essere coivolta anche in altri deficit. La cosa eclatante è che sembra sia colpa di un gene” – commenta Enzo Galazzo che puntualizza – “lo hanno scoperto proprio in questi giorni alcuni ricercatori americani del Children’s Hospital di Philadelphia. Sembra che il gene coinvolto si chiami CDKAL1, già conosciuto dalla scienza perché è lo stesso coinvolto nello sviluppo del diabete di tipo 2. La spiegazione infatti potrebbe essere una scarsa produzione di insulina durante la vita prenatale che può causare la nascita di bambini più piccoli del normale, in quanto essa agisce come un importante fattore di crescita, cioè come una sostanza capace di stimolare la divisione e l’accrescimento delle cellule”. Conley e Bennett, due ricercatori che si sono occupati di bambini sottopeso, hanno dichiarato “E’ chiaro comunque che l’attuale prassi di aiutare i bambini più deboli alla nascita solo per un paio di anni va modificata: essi vanno seguiti fino a 18 anni circa”.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 


BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Balbuzie infantile: un nuovo studio dall’Australia
    Balbuzie infantile: un nuovo studio dall’Australia

      Molti dei bambini che cominciano a balbettare hanno un ricco vocabolario già a 2 anni Arriva dall’Australia l’ultima ricerca sulla balbuzie infantile. Si tratta dello studio dei ricercatori del dipartimento di Pediatria dell’ Università di Melbourne pubblicato sulla rivista Americana Pediatrics. La studio australiano sui bambini, ha trovato che l’ 8,5% sviluppa la balbuzie prima che...

  • Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie
    Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie

    Le ricerche suggeriscono che, in alcuni casi, potrebbe in realtà essere un disturbo ereditario Dal 17 al 21 febbraio si è svolto a Washinton il meeting organizzato dalla fondazione AAAS (the American Association for the Advancement of Science). Un gruppo di ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti ha presentato in questa occasione i risultati delle ultime ricerche sulla balbuzie. Si sono avvicinati al puzzle...

  • Perché ha iniziato a balbettare?
    Perché ha iniziato a balbettare?

      "Ho due bambini. Il primo ha 4 anni, il secondo è nato da 8 mesi. Dopo l'arrivo del più piccolo, il più grande ha iniziato a balbettare. Abbiamo imputato questo comportamento alla gelosia. E' possibile che sia così? e comunque come ci dobbiamo comportare?" Risponde il Prof. Enzo Galazzo presidente dell’ Associazione Vivere Senza Balbuzie (www.viveresenzabalbuzie.it) Nel 68% dei casi la balbuzie...

  • Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie
    Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie

      Nuove indicazioni sui fattori di rischio aprono la strada alla prevenzione della balbuzie Se usa il ciuccio o succhia il dito oltre i tre anni ha una probabilità tre volte superiore di sviluppare difficoltà nel linguaggio futuro rispetto ai suoi coetanei che non hanno la stessa abitudine. E’ uno studio dell’Università di Washington a rivelarlo in un articolo sulla prestigiosa rivista BMC...

  • Ma io balbetto?
    Ma io balbetto?

      Studi scientifici affermano che i bambini, già ad una precoce età, sono consapevoli della loro balbuzie La consapevolezza è un fattore importante per le teorie di esordio e di sviluppo della balbuzie. Anche i figli piccoli potrebbero essere consapevoli delle loro difficoltà di parola. Pochi giorni fa infatti il Journal of Communication Disorders ha pubblicato uno studio svolto presso l'Università di...