Guarda l'articolo su BALBUZIE-NEWS Channel

Scarica l'articolo in PDF

 


Lo conosciamo come attore di Hollywood ma non tutti sanno che dietro c’è una sofferenza con la balbuzie per i primi 20 anni della sua vita


“Avevo forti difficoltà a parlare. Ci mettevo tre minuti per completare una frase. E’ veramente schiacciante voler esprimere se stessi, voler essere ascoltati e non averne la possibilità. Mi faceva paura. Quando interpretai un’altra persona, in un ruolo, la mia balbuzie scomparve. E’ stato straordinario“. Sono le parole di Bruce Willis riportate da John Parker nella biografia non autorizzata (1997).

Willis ha una formula precisa per domare la sua balbuzie mediante l’attuazione di una serie di esercizi di rafforzamento della fiducia.

Un insegnante del giovane Bruce ricorda: “La balbuzie era un problema e alla fine Bruce ha iniziato a compensarlo con un modo di fare spesso scherzoso” – Continua il prof. Rastrelli – “Doveva far accettare se stesso dai coetanei e non riuscendo a farlo con una parlata fluente, l’ha fatto in un altro modo: facendo in modo di spiccare nella folla diventando il “buffone”. Quello che stava facendo era dire “Sì, io balbetto, ma questo non significa che non sono bravo come voi, posso essere addirittura meglio”.

In Italia c’è, tra gli altri, Filippo Timi, noto attore balbuziente. Ha recentemente interpretato il ruolo di Mussolini in Vincere e ha spesso dichiarato: “il problema è che noi balbuzienti ci prendiamo troppo sul serio”.

“Chi balbetta spesso adatta la sua personalità alla balbuzie per conviverci meglio. Finirà successivamente per rendersi schiavo di comportamenti che non riconoscerà come propri” – commenta Enzo Galazzo che aggiunge – L’atteggiamento scherzoso anche su se stessi rende indipendenti e porta a conoscersi e ad amarsi per quel che si è. Nella vita quotidiana ogni cosa che ci accade può essere vista come relativa quindi modificabile e da non catastrofizzare. Con l’umorismo inoltre abbiamo la possibilità di scaricare le piccole tensioni che accumuliamo durante la giornata”.

C’è qualcuno che sceglie invece di lavorarci su e non riderci sopra. Vinicio Marchioni, “il Freddo” di Romanzo Criminale, noto anche per essere il fidanzato di Alessandra Mastonardi ha detto ai giornali: “La balbuzie. Ci sto lavorando e sono migliorato tantissimo, prima non parlavo proprio. Ma per questa cosa mi sto veramente stufando di me stesso. Basta, Vinicio. Smetti di balbettare. A che cosa ti serve?”

Fonti:

http://www.stutteringhelp.org
http://www.leggonline.it

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca...

  • Prof. non è così che mi aiuti!
    Prof. non è così che mi aiuti!

    Un racconto di Enzo Galazzo tratto dall'esperienza vera di una ragazza calabrese fa luce sul dialogo interno dell'alunno balbuziente. “Ma non sai leggere! Che vieni a fare a scuola? Leggi bene… altrimenti non sei adatta a frequentare questa scuola! Tantomeno la mia classe!” Erano trascorsi molti giorni da quelle parole, ma Francesca (la chiameremo così) non riusciva a dileguarle dalla sua mente. Quel professore, da lei tanto...

  • Balbuzie: Guida Gratuita per insegnanti
    Balbuzie: Guida Gratuita per insegnanti

    Arriva online la guida contenente tutti i consigli utili che bisogna sapere se sei un insegnante Le scuole di specializzazione per insegnanti non prevedono una preparazione né blanda né approfondita su come affrontare la balbuzie in classe. Ma la balbuzie in classe c’è. L’Associazione Vivere Senza Balbuzie ha analizzato un campione di 30 studenti balbuzienti ponendo ad ognuno di loro una domanda: "in quale situazione sei...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano...

  • Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi
    Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi

    La radio ai tempi del Re Giorgio VI e facebook ai nostri tempi, due contributi diversi alla comunicazione Dal 1987 le persone trascorrono meno tempo a parlare faccia a faccia. E’ arrivato il computer e spesso, quando facciamo “due chiacchiere”, è la tastiera a vibrare mentre le corde vocali rimangono a riposo per ore. La fa da padrone facebook, che in pochi anni ha conquistato oltre 17 milioni di italiani. Tra loro ovviamente...