Guarda l'articolo su BALBUZIE-NEWS Channel

Scarica l'articolo in PDF

 


La balbuzie evoca reazioni fisiologiche in chi osserva e adesso uno studio analizza attentamente lo sguardo dell’osservatore


Le persone che balbettano sono spesso coscienti che i loro sforzi nel pronunciare quella parola che non viene fuori evocano reazioni nei loro ascoltatori. La comunicazione viaggia attraverso le parole, i toni della voce ma anche attraverso gli sguardi. Un recentissimo studio all’università del Tennessee (Bowers AL, Crawcour SC et al. - 2009 Jun 28) ha analizzato, al contrario di come ci si aspetterebbe, non lo sguardo del balbuziente, ma quello del suo interlocutore. Dodici studenti normofluenti di un college hanno osservato e ascoltato tre video di un adulto che balbetta e, in seguito, altri tre di un adulto che parla fluentemente. Sono stati registrati i movimenti delle pupille e mappati così da verificare quali zone del viso venivano puntate: occhi, naso e bocca.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti hanno fissato il 39% in più del tempo gli occhi del normofluente rispetto a quelli del balbuziente.

Inoltre mentre osservavano il video del “parlato balbettato”, i partecipanti hanno evitato di incrociare lo sguardo più spesso e hanno fissato il 45% in più del tempo il naso del parlante rispetto al video del “parlato fluente”.

Quindi i partecipanti hanno in prevalenza evitato di guardare negli occhi l’interlocutore se egli balbettava.

Le motivazioni possono essere svariate: sarà per non mettere in imbarazzo chi balbetta o perché la balbuzie fa perdere l’interesse per il discorso. Ma, indipendentemente dal perché succede questo, l’evitare lo sguardo può essere un segnale visibile, che informa la persona che balbetta che c’è qualcosa che non va nell’interazione e quindi, può contribuire a indurre emozioni negative in lui, un feedback negativo che potrebbe trovare origine nel sistema dei neuroni specchio.

“Mantenere il contatto oculare è sintomo di una buona capacità di ascolto, comunica infatti il messaggio “mi interessa quello che dici, ti sto ascoltando”. Gli sguardi evitanti, per esempio di un genitore, possono quindi giocare un ruolo nelle future interazioni di chi balbetta contribuendo allo sviluppo di velate strategie per nascondere il disturbo”- è il commento di Enzo Galazzo, che tiene corsi di comunicazione per balbuzienti, che continua - Un buon contatto oculare durante la conversazione è una manifestazione di apprezzamento che chi ha a cuore il benessere di chi balbetta non può ignorare. In generale, è buona norma, mantenere il contatto con il nostro interlocutore per circa il 70% della comunicazione, di più al contrario si rischierebbe di essere invadenti.

Fonti: International journal of language & communication disorders/ Royal College of Speech & Language Therapists

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia
    Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia

      La famiglia dei bambini balbuzienti mostra un indice di salute basso alla luce di una nuova ricerca Uno studio effettuato in Serbia ha analizzato le famiglie in cui vivono i bambini che balbettano e ne ha misurato lo stato di salute. Oggetto dello studio 79 famiglie, 39 delle quali in cui era presente un bambino balbuziente di età compresa tra i 3 e i 6 anni e 40 famiglie con bambini senza nessun disturbo. La...

  • Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie
    Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie

      Nuove indicazioni sui fattori di rischio aprono la strada alla prevenzione della balbuzie Se usa il ciuccio o succhia il dito oltre i tre anni ha una probabilità tre volte superiore di sviluppare difficoltà nel linguaggio futuro rispetto ai suoi coetanei che non hanno la stessa abitudine. E’ uno studio dell’Università di Washington a rivelarlo in un articolo sulla prestigiosa rivista BMC...

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.