Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


La settimana prossima incontri gratuiti a Catania, Cosenza, Bari, Caserta, Roma e Palermo. A breve anche a Forlì.


Prende il via la prossima settimana dal 17 maggio al 24 Maggio una serie di appuntamenti informativi sulle nuove tecniche efficaci per la rieducazione della balbuzie che toccherà molte città dell’Italia Centro-Meridionale. Gli incontri organizzati dall’Associazione Vivere Senza Balbuzie giungono per dare una risposta alle numerose richieste da tutta Italia nell’ ultimo anno. Le città coinvolte in questa settimana informativa sono Catania, Cosenza, Bari, Caserta, Roma e Palermo. I colloqui, che verranno svolti singolarmente, hanno lo scopo di mettere a conoscenza dell’esistenza di una innovativa metodologia messa appunto in molti anni di lavoro. Ad oggi – afferma Enzo Galazzo, Presidente dell’associazione – l’approccio Fonetico Relazionale che attuiamo nei nostri corsi rappresenta qualcosa di veramente innovativo nel settore. E’ infatti più corretto parlare di corsi di comunicazione per balbuzienti. Il percorso, che dura 23 incontri spalmati in 12 mesi, procede per livelli di comunicazione. Una prima fase di 13 giorni è seguita infatti da 10 incontri di perfezionamento che in questa prospettiva assumono il ruolo di volano motivazionale che mantiene e installa il risultato già ottenuto dopo i primi 10 incontri. A breve sarà disponibile una data anche per la città di Forlì.

Le date sono:

Catania Domenica 17 Maggio
Cosenza Mercoledì 20 Maggio
Bari Giovedì
21 Maggio
Caserta Venerdì
22 Maggio
Roma Sabato
23 Maggio

 

Chiunque fosse interessato può telefonare al numero 320 9311193 o contattare l’associazione dal sito ufficiale. Ulteriori dettagli sempre aggiornati sull’evento alla pagina Incontri Informativi .

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie
    Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie

      Nuove indicazioni sui fattori di rischio aprono la strada alla prevenzione della balbuzie Se usa il ciuccio o succhia il dito oltre i tre anni ha una probabilità tre volte superiore di sviluppare difficoltà nel linguaggio futuro rispetto ai suoi coetanei che non hanno la stessa abitudine. E’ uno studio dell’Università di Washington a rivelarlo in un articolo sulla prestigiosa rivista BMC...

  • Cura della balbuzie: la strada è quella giusta
    Cura della balbuzie: la strada è quella giusta

      Uno studio sull’attività del cervello prima/dopo i corsi suggerisce cosa non deve mancare nella rieducazione Gli studi affermano che chi balbetta presenta un’attivazione degli emisferi cerebrali atipica. Che sia questa la causa o la conseguenza ad oggi non si sa con certezza. Qualche balbuziente potrebbe rimanere deluso da queste affermazioni. È invece interessante notare che, sebbene manchi una...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...

  • Prof. non è così che mi aiuti!
    Prof. non è così che mi aiuti!

    Un racconto di Enzo Galazzo tratto dall'esperienza vera di una ragazza calabrese fa luce sul dialogo interno dell'alunno balbuziente. “Ma non sai leggere! Che vieni a fare a scuola? Leggi bene… altrimenti non sei adatta a frequentare questa scuola! Tantomeno la mia classe!” Erano trascorsi molti giorni da quelle parole, ma Francesca (la chiameremo così) non riusciva a dileguarle dalla sua mente. Quel professore, da lei tanto...