Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Dal nostro forum: “E’ come se con la balbuzie ricevessi più amore. Anche il fatto di balbettare mi fa sentire speciale. Senza mi sentirei vuota” . Cerchiamo di capirne i perché.


Per riuscire a risolvere un problema come la balbuzie è necessario comprendere quale meccanismo fa si che la balbuzie installi le sue radici dentro la persona spesse volte per una intera vita. Esiste un subdolo meccanismo che fa si che la balbuzie venga vista dalla parte inconscia di te come un vantaggio. La balbuzie mentre da un lato può logorarti, dall’altro ti può alleggerire la coscienza e scaricare le responsabilità. Succede quando decidi di non andare ad un colloquio di lavoro o di lasciare la scuola o non iscriverti all’università. In questi casi protendere per la strada dell’insuccesso diventa una decisione che la mente del balbuziente fa passare come una scelta obbligata e che non dipende da noi.

Quali altri vantaggi la balbuzie può darti col risultato di rendere difficile il cambiamento e quindi magari scoraggiarti? Bisogna fare uno sforzo con la memoria e tornare all’infanzia per capire una altro meccanismo subdolo: le attenzioni. Un bambino può vivere nella sua prima infanzia un momento in cui ha bisogno di attenzioni. Per esempio succede in concomitanza con la nascita di un fratello, litigi con i compagni a scuola, la presenza di genitori iper-impegnati. La balbuzie offre al bambino un’immediata attenzione che prima non c’era per cui viene interpretata come un vantaggio. Per questo motivo si consiglia a un genitore di un bimbo che comincia a balbettare di essere indifferente alla novità.

Un altro vantaggio riguarda l’ansia. Il momento prima di pronunciare la parola ti vede carico di ansia e tensione mentre subito dopo aver balbettato l’ansia crolla e i muscoli si rilassano. Paradossalmente se il balbettare porta alla liberazione dallo stato d’ansia, il nostro inconscio lo vede come un modo niente male per stare meglio. E’ paradossale ma è così.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Balbuzie: parlare come guidare
    Balbuzie: parlare come guidare

      Una metafora a cura del prof. Galazzo per comprendere meglio la comunicazione Supponiamo di dover guidare in una strada tortuosa, una strada piena di curve che non conosciamo bene. Saremo sicuramente “bravi” nella guida se sapremo dosare la nostra capacità di guidare stando attenti, pur rimanendo rilassati. Dosare la nostra capacità di guidare? E cosa vuol dire? Vuol dire per esempio rinunciare ad...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano alla...

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...

  • Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia
    Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia

      La famiglia dei bambini balbuzienti mostra un indice di salute basso alla luce di una nuova ricerca Uno studio effettuato in Serbia ha analizzato le famiglie in cui vivono i bambini che balbettano e ne ha misurato lo stato di salute. Oggetto dello studio 79 famiglie, 39 delle quali in cui era presente un bambino balbuziente di età compresa tra i 3 e i 6 anni e 40 famiglie con bambini senza nessun disturbo. La...