Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Dal nostro forum: “E’ come se con la balbuzie ricevessi più amore. Anche il fatto di balbettare mi fa sentire speciale. Senza mi sentirei vuota” . Cerchiamo di capirne i perché.


Per riuscire a risolvere un problema come la balbuzie è necessario comprendere quale meccanismo fa si che la balbuzie installi le sue radici dentro la persona spesse volte per una intera vita. Esiste un subdolo meccanismo che fa si che la balbuzie venga vista dalla parte inconscia di te come un vantaggio. La balbuzie mentre da un lato può logorarti, dall’altro ti può alleggerire la coscienza e scaricare le responsabilità. Succede quando decidi di non andare ad un colloquio di lavoro o di lasciare la scuola o non iscriverti all’università. In questi casi protendere per la strada dell’insuccesso diventa una decisione che la mente del balbuziente fa passare come una scelta obbligata e che non dipende da noi.

Quali altri vantaggi la balbuzie può darti col risultato di rendere difficile il cambiamento e quindi magari scoraggiarti? Bisogna fare uno sforzo con la memoria e tornare all’infanzia per capire una altro meccanismo subdolo: le attenzioni. Un bambino può vivere nella sua prima infanzia un momento in cui ha bisogno di attenzioni. Per esempio succede in concomitanza con la nascita di un fratello, litigi con i compagni a scuola, la presenza di genitori iper-impegnati. La balbuzie offre al bambino un’immediata attenzione che prima non c’era per cui viene interpretata come un vantaggio. Per questo motivo si consiglia a un genitore di un bimbo che comincia a balbettare di essere indifferente alla novità.

Un altro vantaggio riguarda l’ansia. Il momento prima di pronunciare la parola ti vede carico di ansia e tensione mentre subito dopo aver balbettato l’ansia crolla e i muscoli si rilassano. Paradossalmente se il balbettare porta alla liberazione dallo stato d’ansia, il nostro inconscio lo vede come un modo niente male per stare meglio. E’ paradossale ma è così.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Prof. non è così che mi aiuti!
    Prof. non è così che mi aiuti!

    Un racconto di Enzo Galazzo tratto dall'esperienza vera di una ragazza calabrese fa luce sul dialogo interno dell'alunno balbuziente. “Ma non sai leggere! Che vieni a fare a scuola? Leggi bene… altrimenti non sei adatta a frequentare questa scuola! Tantomeno la mia classe!” Erano trascorsi molti giorni da quelle parole, ma Francesca (la chiameremo così) non riusciva a dileguarle dalla sua mente. Quel professore, da lei tanto...

  • Public speaking per balbuzienti
    Public speaking per balbuzienti

      Scopriamo quali false credenze ha un balbuziente sull’idea del parlare in pubblico Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dei serpenti. Potrebbero avvolgersi attorno e stritolarti in pochi secondi oppure il loro veleno ucciderti ancor prima. Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dell’altezza. Si potrebbe cadere e spiaccicarsi sul marciapiede. Ma di parlare in pubblico? Perché è così...

  • Balbuzie: Guida Gratuita per insegnanti
    Balbuzie: Guida Gratuita per insegnanti

    Arriva online la guida contenente tutti i consigli utili che bisogna sapere se sei un insegnante Le scuole di specializzazione per insegnanti non prevedono una preparazione né blanda né approfondita su come affrontare la balbuzie in classe. Ma la balbuzie in classe c’è. L’Associazione Vivere Senza Balbuzie ha analizzato un campione di 30 studenti balbuzienti ponendo ad ognuno di loro una domanda: "in quale situazione sei...

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...

  • Balbuzie: parlare come guidare
    Balbuzie: parlare come guidare

      Una metafora a cura del prof. Galazzo per comprendere meglio la comunicazione Supponiamo di dover guidare in una strada tortuosa, una strada piena di curve che non conosciamo bene. Saremo sicuramente “bravi” nella guida se sapremo dosare la nostra capacità di guidare stando attenti, pur rimanendo rilassati. Dosare la nostra capacità di guidare? E cosa vuol dire? Vuol dire per esempio rinunciare ad...