Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Una metafora a cura del prof. Galazzo per comprendere meglio la comunicazione


Supponiamo di dover guidare in una strada tortuosa, una strada piena di curve che non conosciamo bene. Saremo sicuramente “bravi” nella guida se sapremo dosare la nostra capacità di guidare stando attenti, pur rimanendo rilassati. Dosare la nostra capacità di guidare? E cosa vuol dire? Vuol dire per esempio rinunciare ad accelerare troppo, pur trovandoci in un tratto apparentemente libero da insidie. Sappiamo che controllando la velocità, manovrando opportunamente il volante, non possiamo avere sorprese, curva dopo curva giungeremo sicuri a destinazione come tutte le altre volte. Ecco, il problema sta proprio qui, le prime volte la sicurezza non può derivarci all’esperienza precedente ma dobbiamo affidarci maggiormente alle regole che conosciamo, per esempio una regola può essere: non invadere la corsia opposta! Visto che gli esempi ci rimangono più impressi, io vi suggerisco di entrare nell’ottica dell’automobilista… solo che la nostra strada è quella del saper parlare. E’ vero, se si ha esperienza sicuramente la sicurezza sarà maggiore ma… prima o poi si dovrà cominciare! Anche quando parliamo dobbiamo badare alla velocità, come per una automobile andare troppo lenti non va bene ma certamente non dobbiamo andare a velocità sostenuta: basta avere il controllo del mezzo. Non invadere la corsia opposta equivale alla regola del rispettare i tempi della conversazione: non bisogna parlare quando parlano gli altri, non invadere il loro spazio! Se immaginate di avere una automobile mi capirete meglio e sarete più obiettivi, sarete capaci di autocorreggervi. Se il momento di incertezza o di tensione può essere la curva nel nostro discorso allora il segreto sta nell’affrontare “una curva per volta” . Se prima di iniziare a parlare pensate a quante curve dovete affrontare, partire sarà già una fatica!

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Prof. non è così che mi aiuti!
    Prof. non è così che mi aiuti!

    Un racconto di Enzo Galazzo tratto dall'esperienza vera di una ragazza calabrese fa luce sul dialogo interno dell'alunno balbuziente. “Ma non sai leggere! Che vieni a fare a scuola? Leggi bene… altrimenti non sei adatta a frequentare questa scuola! Tantomeno la mia classe!” Erano trascorsi molti giorni da quelle parole, ma Francesca (la chiameremo così) non riusciva a dileguarle dalla sua mente. Quel professore, da lei tanto...

  • Contatto oculare e balbuzie
    Contatto oculare e balbuzie

      La balbuzie evoca reazioni fisiologiche in chi osserva e adesso uno studio analizza attentamente lo sguardo dell’osservatore Le persone che balbettano sono spesso coscienti che i loro sforzi nel pronunciare quella parola che non viene fuori evocano reazioni nei loro ascoltatori. La comunicazione viaggia attraverso le parole, i toni della voce ma anche attraverso gli sguardi. Un recentissimo...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia
    Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia

      La famiglia dei bambini balbuzienti mostra un indice di salute basso alla luce di una nuova ricerca Uno studio effettuato in Serbia ha analizzato le famiglie in cui vivono i bambini che balbettano e ne ha misurato lo stato di salute. Oggetto dello studio 79 famiglie, 39 delle quali in cui era presente un bambino balbuziente di età compresa tra i 3 e i 6 anni e 40 famiglie con bambini senza nessun disturbo. La...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano alla...