Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Nel Bel Paese alcuni concorsi escludono chi malauguratamente balbetta da alcuni lavori pubblici


BALBUZIE-NEWS - Balbuzienti: vietato lavorare?“La balbuzie non è una malattia” e questo è vero, “tanti balbuzienti sono diventati famosi anzi famosissimi per le loro doti in tantissimi campi” e questo è anche vero, “un balbuziente può diventare Presidente del Consiglio ma non può diventare vigile urbano”… in Italia questo è scandalosamente vero! La balbuzie è infatti causa di esclusione ben specificata in molti bandi di concorsi pubblici.

A Spoleto pochi mesi fa fu sollevata una polemica dal capogruppo dei Comunisti italiani, Giampiero Calabresi, che denunciava la discriminazione sui giornali. Si legge chiaro anche nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 28 novembre scorso per la selezione di 20 agenti di polizia municipale presso il comune di Messina dove tra le cause di esclusione insieme a gravissime malattie si legge testualmente “malformazione e malattie della bocca: disfonie e balbuzie”. Quindi il dubbio è: o la punteggiatura è errata o la balbuzie improvvisamente è diventata una malformazione o una malattia della bocca.

Se da un lato in Italia succede questo, all’estero la ricerca si preoccupa di capire se chi balbetta avverte il suo problema come un handicap nel lavoro . E’ di qualche anno fa infatti lo studio dell’ University of South Alabama su 232 giovani. Dai risultati si legge che il 70% dei ragazzi ha convenuto che la balbuzie diminuisce la possibilità di essere assunti o promossi. Più del 33% delle persone sono convinte che il “balbettare” interferisca con la loro prestazione lavorativa, e il 20% ha effettivamente rifiutato un posto di lavoro o una promozione a causa della loro balbuzie. I dati raccolti hanno anche indicato che gli uomini hanno maggiore tendenza a vedere la balbuzie come handicap rispetto alle donne.

Fonte: Gazzetta Ufficiale

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Barriere comunicative nella mente di anziani che balbettano
    Barriere comunicative nella mente di anziani che balbettano

      Un nuovo studio sugli anziani che balbettano ribadisce che la balbuzie non è solo un problema infantile Poco si sa circa l'esperienza di chi balbetta oltre i 55 anni di età. Recenti ricerche hanno stabilito che persistono in età avanzata gli stessi tipi di comportamenti, pensieri negativi, le conseguenze emotive e vissuti dei giovani balbuzienti. Uno studio australiano presso l’università di...

  • Quando la balbuzie incontra la telecamera
    Quando la balbuzie incontra la telecamera

      Vasco Rossi ha scritto: “non sei nessuno se non appari mai in tv”. La balbuzie in tv c’è arrivata e finalmente tutti sembrano, solo così, essersi accorti dello scomodo disturbo. Ad accendere i dibattiti dappertutto sono i “balbuzienti liberati dal talento”, si è proprio così che vogliamo chiamarli. La balbuzie spesso costringe a stare dietro le quinte, a non mettersi in prima linea. Ma, a...

  • Public speaking per balbuzienti
    Public speaking per balbuzienti

      Scopriamo quali false credenze ha un balbuziente sull’idea del parlare in pubblico Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dei serpenti. Potrebbero avvolgersi attorno e stritolarti in pochi secondi oppure il loro veleno ucciderti ancor prima. Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dell’altezza. Si potrebbe cadere e spiaccicarsi sul marciapiede. Ma di parlare in pubblico? Perché è così...

  • Anche la balbuzie invecchia
    Anche la balbuzie invecchia

      Tra rughe e capelli bianchi la balbuzie si modifica e assume forme variabili. Si parla spesso della balbuzie infantile ma nessuno parla mai di chi, ad una veneranda età, si trova ancora alle prese con questo ostico problema. Dunque la balbuzie, in molti casi, accompagna una intera vita e subisce le trasformazioni in simbiosi con il balbuziente. All’età infantile è associata una balbuzie cosiddetta...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano...