Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


La qualità della vita di chi balbetta è scadente… parola degli studiosi


Essere balbuzienti è una questione puramente estetica, come pensa la maggior parte della gente che non balbetta, o balbettare impedisce di godere appieno della vita? I ricercatori dell’Università di San Paolo in Brasile non hanno dubbi: la balbuzie influenza negativamente la qualità della vita. La rivista scientifica Pro fono svela i dettagli della ricerca. Il campione studiato è di 40 individui, metà normofluenti e metà balbuzienti senza altre difficoltà. Sono stati somministrati dei questionari in cui le domande ruotavano attorno a tre aree: affettiva, caratteriale e cognitiva.
Le risposte hanno evidenziato una differente qualità della vita tra chi balbetta e chi no, a discapito dei secondi. Inoltre è stato evidenziato come nel gruppo di balbuzienti gli individui con una media difficoltà hanno presentato lo stesso profilo ai test di quelli con una balbuzie più marcata.


“Quest’ultimo aspetto è il più interessante a mio parere – commenta Enzo Galazzo – in quanto dimostra che la balbuzie influenza la vita delle persone in base al peso che la persona stessa gli da e non in rapporto al blocco. Individui che si bloccano poco possono vivere male il loro quotidiano e condizionare la propria vita di più di chi ha blocchi più evidenti. Ciò che abbassa la qualità della vita è quindi il limite che chi balbetta spesso si pone dentro di sé. Magari fuori fai tutto ma dentro di te senti che non ne sei all’altezza. E’ questo il limite che ti fa affrontare la vita da incerto e si sa… le persone che stanno in mezzo alla strada generalmente corrono il rischio di essere investite!

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

Iscriviti e scopri i vantaggi della newsletter e dei feed rss

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Ma io balbetto?
    Ma io balbetto?

      Studi scientifici affermano che i bambini, già ad una precoce età, sono consapevoli della loro balbuzie La consapevolezza è un fattore importante per le teorie di esordio e di sviluppo della balbuzie. Anche i figli piccoli potrebbero essere consapevoli delle loro difficoltà di parola. Pochi giorni fa infatti il Journal of Communication Disorders ha pubblicato uno studio svolto presso l'Università di...

  • Ansia, quanto male mi fai?
    Ansia, quanto male mi fai?

      Ansia e balbuzie un binomio indissolubile al centro di alcuni studi internazionali Nessuno direbbe mai che Fiorello è una persona ansiosa. Non lo direste voi, ma è lui stesso a confessarlo ai microfoni di una giornalista durante un’intervista a “La storia siamo noi”. Infatti alla domanda “sei ansioso?” – risponde - “Ammazza! Ho sempre timore di salire sul palco, ma sono riuscito a domare la...

  • Contatto oculare e balbuzie
    Contatto oculare e balbuzie

      La balbuzie evoca reazioni fisiologiche in chi osserva e adesso uno studio analizza attentamente lo sguardo dell’osservatore Le persone che balbettano sono spesso coscienti che i loro sforzi nel pronunciare quella parola che non viene fuori evocano reazioni nei loro ascoltatori. La comunicazione viaggia attraverso le parole, i toni della voce ma anche attraverso gli sguardi. Un recentissimo...

  • Anche la balbuzie invecchia
    Anche la balbuzie invecchia

      Tra rughe e capelli bianchi la balbuzie si modifica e assume forme variabili. Si parla spesso della balbuzie infantile ma nessuno parla mai di chi, ad una veneranda età, si trova ancora alle prese con questo ostico problema. Dunque la balbuzie, in molti casi, accompagna una intera vita e subisce le trasformazioni in simbiosi con il balbuziente. All’età infantile è associata una balbuzie cosiddetta...

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...