Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Vediamo come un calcio di rigore o un incontro di boxe possa aiutare chi balbetta


Acquisire una completa fluenza che duri nel tempo non è semplicissimo. Si può anche dire che diventare fluente è come raggiungere la padronanza di uno sport. Come diventare un grande giocatore di calcio? È necessario essere concentrati, vivere nel giusto ambiente, essere motivati, uno spirito competitivo e ricettivo agli insegnamenti del tuo allenatore.

Il grande calciatore di oggi  ha potuto osservare una partita tante e tante volte prima di giocare in un campo vero. Ha sognato di indossare la maglia della sua squadra del cuore infinite volte. Hai mai provato a osservare qualcuno che parla? Forse no, non c’è tempo o forse non ci hai mai pensato che possa servire.
Se usiamo ancora  il calcio come metafora allora mi viene da pensare che l’Italia perse gli europei del 2000 in finale ma nessuno ha stroncato lì una carriera da calciatore per la delusione.

Anzi, è successo poi il contrario, e siccome erano passati sei anni agli azzurri sono spettati gli interessi: non più un Europeo, ma un Mondiale nel 2006! I rigori sbagliati poi sono l’emblema che la sconfitta di oggi può interessare il campione di domani. Baggio contro il Brasile, Maradona ai mondiali, Trezeguet contro l’Italia, Schevcenko contro il Liverpool, la lista è lunga. De Gregori l’ha anche scritto in una stupenda canzone che faceva: “… Nino non aver paura di tirare un calcio di rigore che non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore, il giocatore si vede dal coraggio….”

Nello sport diventi bravo soprattutto se hai una costante concorrenza che ti spinge a migliorare e battere l’avversario la prossima volta! Nella tua partita contro la balbuzie non vi è alcuna chiara dichiarazione di una vittoria o una sconfitta. Se non balbetti nessuno ti alza il braccio per dichiararti vincitore. E quando balbetti? Questa volta ci sei tu, pronto come il più severo degli arbitri a dichiarare la vittoria della balbuzie e la tua sconfitta. C’è da aggiungere che a differenza di un incontro di boxe il nemico non lo puoi guardare negli occhi. Infatti, se pensi che il nemico sia il tuo interlocutore allora sei fuori strada.

“Forse dovremmo istituire un campionato dove si possa competere gli uni contro gli altri nel parlare e nella lettura. Per esempio potrebbe esserci un concorso dove due persone parlano e il primo che balbetta perde.” – scrive a tal proposito Tom Weidig autore di un famoso blog americano dedicato alla balbuzie, e continua con ironia – “Si potrebbe anche avere squadre nazionali in concorrenza gli uni contro gli altri. Magari i nomi dei club potrebbero essere Real-balbuzie o Bayer-balbuzienti…”

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...

  • Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia
    Balbuzie infantile: il nocciolo è in famiglia

      La famiglia dei bambini balbuzienti mostra un indice di salute basso alla luce di una nuova ricerca Uno studio effettuato in Serbia ha analizzato le famiglie in cui vivono i bambini che balbettano e ne ha misurato lo stato di salute. Oggetto dello studio 79 famiglie, 39 delle quali in cui era presente un bambino balbuziente di età compresa tra i 3 e i 6 anni e 40 famiglie con bambini senza nessun disturbo. La...

  • Balbuzie: parlare come guidare
    Balbuzie: parlare come guidare

      Una metafora a cura del prof. Galazzo per comprendere meglio la comunicazione Supponiamo di dover guidare in una strada tortuosa, una strada piena di curve che non conosciamo bene. Saremo sicuramente “bravi” nella guida se sapremo dosare la nostra capacità di guidare stando attenti, pur rimanendo rilassati. Dosare la nostra capacità di guidare? E cosa vuol dire? Vuol dire per esempio rinunciare ad...

  • Ansia, quanto male mi fai?
    Ansia, quanto male mi fai?

      Ansia e balbuzie un binomio indissolubile al centro di alcuni studi internazionali Nessuno direbbe mai che Fiorello è una persona ansiosa. Non lo direste voi, ma è lui stesso a confessarlo ai microfoni di una giornalista durante un’intervista a “La storia siamo noi”. Infatti alla domanda “sei ansioso?” – risponde - “Ammazza! Ho sempre timore di salire sul palco, ma sono riuscito a domare la...

  • Contatto oculare e balbuzie
    Contatto oculare e balbuzie

      La balbuzie evoca reazioni fisiologiche in chi osserva e adesso uno studio analizza attentamente lo sguardo dell’osservatore Le persone che balbettano sono spesso coscienti che i loro sforzi nel pronunciare quella parola che non viene fuori evocano reazioni nei loro ascoltatori. La comunicazione viaggia attraverso le parole, i toni della voce ma anche attraverso gli sguardi. Un recentissimo...