Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Le donne sono le più colpite dalla “balbuzie fantasma”


Un apparente paradosso. Se è vero che un cieco certamente non vede o un sordo certamente non sente, non è altrettanto vero che un balbuziente certamente balbetta. Una “leggera” balbuzie può durare una intera vita e condizionare il modo di relazionarsi sebbene non rendendosi manifesta col classico Mi-Mi-mi chiamo Maria. “Mi trovo spesso a ricevere telefonate da balbuzienti che non balbettano e che mi raccontano con grande liberazione la loro prigione nascosta” -afferma Enzo Galazzo – e aggiunge ”tantissimi sono purtroppo i casi in cui una moglie non ha il coraggio di affrontare la questione col proprio marito”.

Basterebbe dire la frase “caro sono balbuziente” e tutto sarebbe sicuramente diverso, ma la paura è tanta. Dice Paola “ho paura, tanta paura di parlarne con mio marito perché non so come potrebbe reagire, ho paura di perderlo”. Così succede che un marito, ignaro dei retroscena, ad un esordio tentennante della moglie alla cena con amici reagisce con un sorriso inopportuno che alimenta quel sentimento di paura nell’affrontare il problema. Sono infatti le donne, secondo le stime raccolte dall’Associazione Vivere Senza Balbuzie le più colpite dalla “balbuzie fantasma”, in molti casi già madri quarantenni. Donne che si trovano ad affrontare da sole il loro problema che non potranno mai risolvere perché nascosto al mondo. Quasi sempre il momento più tragico in questi casi coincide con il diventare madri. Si pensa subito che il bambino potrebbe balbettare da un momento all’altro. Pensieri logoranti che la donna vive da sola compromettendo giorno dopo giorno la stima di se. In questi casi la soluzione è proprio quella di affrontare la vita e di smettere di fuggire. Un marito che ama non si stupirà affatto di una “confessione” di questo tipo; lo aiuterà piuttosto a capire la donna che ha scelto come compagna di vita e il rapporto ne risentirà positivamente. In fondo non è un luogo comune la frase “non è possibile amare qualcuno se non ami te stesso” L’unico pentimento sarà di non averlo fatto prima.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • I bambini sottopeso alla nascita rischiano la balbuzie
    I bambini sottopeso alla nascita rischiano la balbuzie

      Bambini sottopeso, la causa è genetica. Adesso si sa che è un fattore di rischio per la balbuzie Una ricerca su migliaia di bambini sottopeso alla nascita ha rivelato che hanno una probabilità dalle due alle tre volte maggiore di sviluppare balbuzie. Lo studio pubblicato dalla rivista statunitense Maternal and child health journal ha coinvolto un numero grandissimo di bambini. Una ricerca dal potere...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • Balbuzie e Ritmo nei bambini
    Balbuzie e Ritmo nei bambini

      I bambini che balbettano hanno una incapacità nel tenere il ritmo E’ quanto emerge da una ricerca recentissima condotta alla Purdue University negli Stati Uniti (Olander, Smith et al. 2010). La ricerca è stata condotta su 17 bambini balbuzienti e su 13 non balbuzienti (controllo). I bambini dovevano battere le mani a tempo prima insieme ad un metronomo con battiti ad intervalli di poco più di...

  • Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie
    Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie

    Le ricerche suggeriscono che, in alcuni casi, potrebbe in realtà essere un disturbo ereditario Dal 17 al 21 febbraio si è svolto a Washinton il meeting organizzato dalla fondazione AAAS (the American Association for the Advancement of Science). Un gruppo di ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti ha presentato in questa occasione i risultati delle ultime ricerche sulla balbuzie. Si sono avvicinati al puzzle...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano alla...