Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Il nuovo film del regista danese ruota intorno a Sebastian, balbuziente, che scopre di avere un padre


BALBUZIE-NEWS: La balbuzie in un film di VinterbergE’ stato presentato il nuovo film danese “Riunione di famiglia” di Thomas Vinterberg all’ottava edizione del Montecarlo Film Festival de la Comedie. Racconta a suon di colpi di scena, il dramma familiare di un ragazzo balbuziente che, alle soglie del matrimonio,  scopre di essere il figlio di una stella della lirica. Lo aveva creduto fallito in  vita e ormai scomparso per bocca di una madre delusa dal tradimento subito.

A questo punto la balbuzie si aggrava ulteriormente e Sebatian, così si chiama, si trova ad affrontare l’impatto con chi non comprendendo una parola glielo dice chiaramente in faccia. Evidenti sono i laringospasmi, apnee foniche e ripetizioni di sillabe ed altrettanto lo è l’influenza del dramma familiare nell’incremento dei blocchi. Il viaggio interiore di Sebastian che lo porterà a lasciare la fidanzata, trovare l’amore, ritrovare il padre, sembra essere l’ultimo gradino che lo porterà alla maturazione, alla perdita della balbuzie.
“La vicenda sottolinea l’importanza della stabilità emotiva nella fluenza di chi balbetta. Un filo sottile lega quindi l’anima del balbuziente alla sua bocca. Come dire che una casa costruita in  un luogo dove spesso ci sono terremoti è sempre in pericolo crollo da un momento all’altro. Stando alle anticipazioni di quest’ultimo film di Vinterberg la stabilità emotiva vince sulla balbuzie” – commenta il Prof. Galazzo e sottolinea – “Bel lieto fine degno di un film che attendiamo di vedere anche se la realtà richiede uno sforzo in più”.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie
    Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie

    Le ricerche suggeriscono che, in alcuni casi, potrebbe in realtà essere un disturbo ereditario Dal 17 al 21 febbraio si è svolto a Washinton il meeting organizzato dalla fondazione AAAS (the American Association for the Advancement of Science). Un gruppo di ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti ha presentato in questa occasione i risultati delle ultime ricerche sulla balbuzie. Si sono avvicinati al...

  • I bambini sottopeso alla nascita rischiano la balbuzie
    I bambini sottopeso alla nascita rischiano la balbuzie

      Bambini sottopeso, la causa è genetica. Adesso si sa che è un fattore di rischio per la balbuzie Una ricerca su migliaia di bambini sottopeso alla nascita ha rivelato che hanno una probabilità dalle due alle tre volte maggiore di sviluppare balbuzie. Lo studio pubblicato dalla rivista statunitense Maternal and child health journal ha coinvolto un numero grandissimo di bambini. Una ricerca dal potere...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca...

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...

  • Balbuzie e Ritmo nei bambini
    Balbuzie e Ritmo nei bambini

      I bambini che balbettano hanno una incapacità nel tenere il ritmo E’ quanto emerge da una ricerca recentissima condotta alla Purdue University negli Stati Uniti (Olander, Smith et al. 2010). La ricerca è stata condotta su 17 bambini balbuzienti e su 13 non balbuzienti (controllo). I bambini dovevano battere le mani a tempo prima insieme ad un metronomo con battiti ad intervalli di poco più di...