Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Ascoltare un racconto dalla voce di chi balbetta richiede uno alto sforzo mentale che influenza la memoria e la comprensione


Nulla di strano se chi ti ascolta non capisce ma, quando entrambi parlate la stessa lingua, evidentemente c’è qualcosa che non va. Si tratta dell’ultimo studio sulla balbuzie svolto in America. Questa volta la situazione studiata è ribaltata e ad essere indagato è il punto di vista dell’ascoltatore. La ricerca è stata pubblicata in questi giorni sull’autorevole rivista internazionale Journal of Speech Language and Hearing Research. I ricercatori hanno eseguito l’esperimento su 60 adulti che hanno ascoltato testi narrativi e  testi descrittivi di argomenti familiari all’ascoltatore e di altri completamente sconosciuti riprodotti con vari livelli di balbuzie.

Dopo aver ascoltato i testi campione, ognuno degli ascoltatori ha compilato un test per valutare il livello di comprensione, ciò che veniva ricordato e lo sforzo mentale nel rispondere. Si trattava di risposte sia aperte che chiuse sulla storia ascoltata in precedenza.

I risultati sia delle risposte aperte che chiuse sulla memoria e sulla comprensione della storia erano migliori per i testi narrativi rispetto a quelli descrittivi. Dai campioni di testo con tutti i livelli di balbuzie è risultato un alto sforzo mentale indipendentemente dal tipo di argomento e dalla familiarità che si ha con esso.

“Chi balbetta spesso non usa la via più semplice e chiara per esprimere ciò che vuole dire.” – entra nei particolari il Prof. Galazzo aggiungendo – “Il balbuziente è un funambolo sul rasoio, sta sempre attento a dove mette i piedi. La frase diventa un campo minato dove le bombe sono le parole con la P o con CR. Si finisce spesso per evitare le parole più adatte e  sostituirle così con altre inappropriate, facendo quindi una figuraccia. Conclude “Il testo descrittivo, per sua natura ricco di pause, risulta secondo questo studio quello più ostico. Chi balbetta non ama infatti fermarsi. Come a suggerire che allenandosi con le descrizioni si possa magari imparare a domare la tigre. Non rimane che provarci”.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 


BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Concezione del tempo in chi balbetta
    Concezione del tempo in chi balbetta

      Il tempo che passa non è per tutti uguale. Sembra che chi balbetta percepisca il tempo in maniera errata Si balbetta di più in situazioni di pressione comunicativa. Chi balbetta ha infatti la sensazione che il tempo a disposizione sia sempre poco. E’ la sensazione che molti studenti balbuzienti sentono all’interrogazione o all’esame universitario, è come se il timore che sopraggiunga un blocco...

  • Public speaking per balbuzienti
    Public speaking per balbuzienti

      Scopriamo quali false credenze ha un balbuziente sull’idea del parlare in pubblico Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dei serpenti. Potrebbero avvolgersi attorno e stritolarti in pochi secondi oppure il loro veleno ucciderti ancor prima. Sappiamo il motivo per cui abbiamo paura dell’altezza. Si potrebbe cadere e spiaccicarsi sul marciapiede. Ma di parlare in pubblico? Perché è così...

  • Ma io balbetto?
    Ma io balbetto?

      Studi scientifici affermano che i bambini, già ad una precoce età, sono consapevoli della loro balbuzie La consapevolezza è un fattore importante per le teorie di esordio e di sviluppo della balbuzie. Anche i figli piccoli potrebbero essere consapevoli delle loro difficoltà di parola. Pochi giorni fa infatti il Journal of Communication Disorders ha pubblicato uno studio svolto presso l'Università di...

  • Perché quando canto non balbetto?
    Perché quando canto non balbetto?

      Tutte le spiegazioni ad una domanda che molti si fanno senza riuscire a dare risposta Che quando si canta non si balbetta è risaputo da sempre. E perché si dovrebbe balbettare? Parlare e cantare sono due cose differenti. Mentre nel parlato l’interlocutore deve immettere nella produzione del suono le regole da se ed è implicata la relazione diretta con l’interlocutore, nel canto le regole che...

  • Ansia, quanto male mi fai?
    Ansia, quanto male mi fai?

      Ansia e balbuzie un binomio indissolubile al centro di alcuni studi internazionali Nessuno direbbe mai che Fiorello è una persona ansiosa. Non lo direste voi, ma è lui stesso a confessarlo ai microfoni di una giornalista durante un’intervista a “La storia siamo noi”. Infatti alla domanda “sei ansioso?” – risponde - “Ammazza! Ho sempre timore di salire sul palco, ma sono riuscito a domare la...