Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Uno studio sull’attività del cervello prima/dopo i corsi suggerisce cosa non deve mancare nella rieducazione


BALBUZIE-NEWS: corsi balbuzie, la giusta stradaGli studi affermano che chi balbetta presenta un’attivazione degli emisferi cerebrali atipica. Che sia questa la causa o la conseguenza ad oggi non si sa con certezza. Qualche balbuziente potrebbe rimanere deluso da queste affermazioni. È invece interessante notare che, sebbene manchi una chiara spiegazione alle cause precise della balbuzie, negli ultimi dieci anni in Italia ci sono stati notevoli passi avanti nello sviluppo di efficaci corsi di trattamento.

Dal sito dell’organizzazione no profit americana “The Stuttering Fondation” si legge: “A seguito di un corso intensivo di trattamento, i partecipanti sono stati posti nuovamente a scansione PET (tomografia ad emissione di positroni). Confrontando prima/dopo trattamento Si vede che l’attivazione cerebrale è rimasta elevata e addirittura aumentata, riflettendo, forse, un impegno maggiore dovuto allo sforzo di autocontrollo. Abbiamo seguito gli allievi per un periodo di dodici mesi in cui hanno completato un programma di mantenimento e quindi nuovamente sottoposti a scansione. Un anno dopo il trattamento iniziale, i livelli globali di attivazione osservati mediante PET sono diminuiti drasticamente (come si vede dall’immagine). Abbiamo interpretato questo risultato con il fatto che l’allievo abbia sviluppato un maggiore automatismo a seguito di un intero anno di pratica rigorosa delle nuove abilità linguistiche”.

BALBUZIE-NEWS: PET cervello prima/dopo corsi cura balbuzie

Così, da queste ricerche svolte presso l’università di Toronto in Canada, troviamo conferma alla nostra idea di giusta rieducazione – afferma l’Associazione Vivere Senza Balbuzie. Aggiunge Galazzo – Presidente dell’Associazione – “Non trattandosi di una malattia, è più corretto parlare di trattamenti e non di cure. Il trattamento infatti, come si può evincere dalla ricerca, deve essere dapprima intensivo e poi seguito da 12 mesi di mantenimento al fine di presentare effetti permanenti anche a livello cerebrale. Sono pertanto invalidati i trattamenti non intensivi e soprattutto quelli che non danno importanza al dopo-corso. L’intervento inoltre deve essere globale, investendo quindi sia l’aspetto tecnico che quello comportamentale”.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi
    Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi

    La radio ai tempi del Re Giorgio VI e facebook ai nostri tempi, due contributi diversi alla comunicazione Dal 1987 le persone trascorrono meno tempo a parlare faccia a faccia. E’ arrivato il computer e spesso, quando facciamo “due chiacchiere”, è la tastiera a vibrare mentre le corde vocali rimangono a riposo per ore. La fa da padrone facebook, che in pochi anni ha conquistato oltre 17 milioni di italiani. Tra loro ovviamente...

  • Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie
    Il ciuccio: un fattore di rischio per la balbuzie

      Nuove indicazioni sui fattori di rischio aprono la strada alla prevenzione della balbuzie Se usa il ciuccio o succhia il dito oltre i tre anni ha una probabilità tre volte superiore di sviluppare difficoltà nel linguaggio futuro rispetto ai suoi coetanei che non hanno la stessa abitudine. E’ uno studio dell’Università di Washington a rivelarlo in un articolo sulla prestigiosa rivista BMC...

  • Balbuzie e Ritmo nei bambini
    Balbuzie e Ritmo nei bambini

      I bambini che balbettano hanno una incapacità nel tenere il ritmo E’ quanto emerge da una ricerca recentissima condotta alla Purdue University negli Stati Uniti (Olander, Smith et al. 2010). La ricerca è stata condotta su 17 bambini balbuzienti e su 13 non balbuzienti (controllo). I bambini dovevano battere le mani a tempo prima insieme ad un metronomo con battiti ad intervalli di poco più di...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano...

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...