Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Allo studio la relazione tra balbuzie e rigidità muscolare durante due compiti simultanei: parlare e disegnare


BALBUZIE-NEWS: parlare e disegnareMagari balbetti e parlare per te è una gran fatica ma quando si tratta di disegnare sei un gran portento. Due abilità molto diverse che non hai mai pensato di fare simultaneamente. Sono gli scienziati dell’università del Tennessee del Department of Audiology and Speech Pathology che hanno però pensato bene che studiare queste due abilità contemporaneamente possa servire a qualcosa.

E’ stata monitorata la frequenza degli inceppi, la durata del tratto della penna e la discontinuità del tratto nelle tre condizioni.

I partecipanti sono stati 15 balbuzienti e 15 normoloquenti che hanno disegnato cerchi continui con una penna su una tavola digitale in 3 condizioni differenti: silenzio, lettura a voce alta, e lettura corale. Nella condizione di silenzio, il gruppo balbuziente usava un tratto di penna senza evidenze di disfluenza, come l’altro gruppo. La differenza è emersa nella lettura a voce alta, in quanto nei balbuzienti si è osservato un tratto discontinuo della penna in concomitanza con un inceppo sul 12% delle sillabe. Nella condizione di lettura corale la balbuzie è scomparsa (ridotta del 97%), ma la disfluenza manuale è stata ridotta di solo il 47% rispetto alla condizione di lettura a voce alta singolarmente.
In pratica si è visto che le prove dove c’erano più eventi di inceppo erano generalmente correlate con una alta disfluenza manuale (nel disegno).

“Quanto riportato dimostra che l’evento di inceppo non è esclusivamente un fatto fonico ma che coinvolge tutto il corpo” – afferma Enzo Galazzo e aggiunge – “Dobbiamo ricordarci che il nostro corpo e la nostra mente sono collegati, sono in continua comunicazione. Infatti, quando siamo tesi, il nostro corpo è teso e quando siamo ansiosi respiriamo in maniera da sfavorire il rilassamento. Il consiglio di gesticolare o muoversi davanti ad un pubblico al fine di scaricare la tensione è sempre valido. Come afferma Harry Holzheu, definito spesso Re della Comunicazione, le mani sono strumenti del linguaggio: vogliono parlare”.

Fonte: Human Movement Science

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it

http://www.perlaparola.com

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...

  • Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie
    Ricercatori scoprono primi geni della balbuzie

    Le ricerche suggeriscono che, in alcuni casi, potrebbe in realtà essere un disturbo ereditario Dal 17 al 21 febbraio si è svolto a Washinton il meeting organizzato dalla fondazione AAAS (the American Association for the Advancement of Science). Un gruppo di ricercatori del National Institutes of Health degli Stati Uniti ha presentato in questa occasione i risultati delle ultime ricerche sulla balbuzie. Si sono avvicinati al...

  • Ansia, quanto male mi fai?
    Ansia, quanto male mi fai?

      Ansia e balbuzie un binomio indissolubile al centro di alcuni studi internazionali Nessuno direbbe mai che Fiorello è una persona ansiosa. Non lo direste voi, ma è lui stesso a confessarlo ai microfoni di una giornalista durante un’intervista a “La storia siamo noi”. Infatti alla domanda “sei ansioso?” – risponde - “Ammazza! Ho sempre timore di salire sul palco, ma sono riuscito a domare la...

  • Ma io balbetto?
    Ma io balbetto?

      Studi scientifici affermano che i bambini, già ad una precoce età, sono consapevoli della loro balbuzie La consapevolezza è un fattore importante per le teorie di esordio e di sviluppo della balbuzie. Anche i figli piccoli potrebbero essere consapevoli delle loro difficoltà di parola. Pochi giorni fa infatti il Journal of Communication Disorders ha pubblicato uno studio svolto presso l'Università di...

  • La balbuzie e l’università
    La balbuzie e l’università

    Uno studio sulla balbuzie dimostra che quasi 7 docenti universitari su 10 (65%) hanno difficoltà nel rapportarsi al disturbo per la scarsa conoscenza. Quando si parla di balbuzie a scuola, si pensa subito ai bambini o agli adolescenti. A volte chi balbetta decide anche di lasciarsi condizionare al punto da abbandonare l’idea di proseguire gli studi fino all’università. Ma, fortunatamente non tutti i balbuzienti rinunciano...