Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Dal web arriva la prova inequivocabile che la balbuzie si può correggere. I progressi sono eclatanti già in 11 giorni.


Con i bambini di 8/9 anni i risultati migliori. Sono loro infatti ad acquisire le correzioni in maniera permanente già nell’arco di pochi mesi. La balbuzie si può correggere e i risultati sono apprezzabili in meno di due settimane ma occorre un mantenimento per consolidare il risultato. Questo è il messaggio chiaro che il Prof. Galazzo manda dal sito http://www.perlaparola.com.

Dieci anni di attività in cui ha visto circa 600 balbuzienti riacquistare la parola. In larga misura giovani fino ai 30 anni ma nel 10 % circa dei casi si tratta di allievi più maturi, anche di 60 anni. “Ho avuto ottime esperienze di rieducazione con gli adulti, ma spesso sono restii a partecipare ad un corso. Pensano erroneamente che sia troppo tardi” afferma Enzo Galazzo, Presidente dell’Associazione “Vivere Senza Balbuzie”, che nella sua pluriennale esperienza di docente-formatore si è impegnato nella ricerca di strategie sempre più efficaci per la terapia della balbuzieg.



Nonostante i risultati siano eccellenti da tempo, la diffusione di questo approccio è ancora appannaggio di una nicchia di avventurieri che, fidandosi della terapia non tradizionale, scoprono che, proprio come diceva una famosa frase, “la felicità è dietro l’angolo“.

Così è nata l’idea di registrare i video degli allievi, circa due anni fa. Il miglioramento è evidente dal confronto Prima/Dopo e non può quindi che essere oggettivo e misurabile. Adesso i video sono diventati tanti e alcuni sono ancora più sconvolgenti di quello pubblicato attualmente sul sito. I feedbacks positivi dei partecipanti al corso arrivano anche dalle lettere di testimonianza che si possono leggere navigando nel sito.

“Siamo ad una svolta, basta con le chiacchiere, bisogna dimostrare con i fatti. Finalmente – dice Galazzo – grazie ad un ragazzo che ha frequentato il corso e che ha acconsentito alla pubblicazione del video, posso dimostrare a tutti, per la prima volta in assoluto, quello che sostengo da tempo: la balbuzie, anche marcata, si corregge con ottimi risultati.”

Per fare questo sono indispensabili dei trattamenti che analizzino anche il lato psicologico del disturbo, e non solo quello strettamente tecnico. Per questo motivo il numero dei partecipanti è limitato, così da favorire una profonda conoscenza dell’allievo da parte dell’ istruttore, per instaurare quel rapporto di fiducia necessario affinché il corso vada a buon fine, fiducia che verrebbe minata se gli allievi fossero numerosi e l’istruttore fosse costretto a dividersi tra tutti loro. In questo modo, ogni allievo avrà un trattamento personalizzato, con i tutti i vantaggi che ciò comporta.

Una seconda fase del corso prevede l’allenamento del pensiero e la gestione dello stato emotivo. Si fa in modo che oltre alla parlata il miglioramento investa anche il modo di leggere e di rapportarsi in pubblico, riacquistando fiducia e alzando il livello di autostima.

Il trattamento prevede un supporto nella vita all’esterno dove si continua ad essere seguiti costantemente anche dopo il corso principale. Al fine di perfezionarsi è consentito e consigliato rifrequentare il corso gratuitamente.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?
    A cosa serve sapere se un gene è implicato nella balbuzie?

      Vuol dire che non posso migliorare e sono destinato a morire balbuziente? No, affatto. Proviamo a fare chiarezza. Gli studi sul DNA sono ancora in corso e molti potrebbero fare confusione rispetto alle notizie riguardanti la genetica. Proviamo a fare chiarezza. Il Dna non è altro che il nostro libretto di istruzioni. Il problema è che si tratta di un libretto scritto in codice, 4 lettere combinate...

  • Balbuzie: Giornate informative in tutta Italia
    Balbuzie: Giornate informative in tutta Italia

      La settimana prossima incontri gratuiti a Catania, Cosenza, Bari, Caserta, Roma e Palermo. A breve anche a Forlì. Prende il via la prossima settimana dal 17 maggio al 24 Maggio una serie di appuntamenti informativi sulle nuove tecniche efficaci per la rieducazione della balbuzie che toccherà molte città dell’Italia Centro-Meridionale. Gli incontri organizzati dall’Associazione Vivere Senza Balbuzie...

  • Prof. non è così che mi aiuti!
    Prof. non è così che mi aiuti!

    Un racconto di Enzo Galazzo tratto dall'esperienza vera di una ragazza calabrese fa luce sul dialogo interno dell'alunno balbuziente. “Ma non sai leggere! Che vieni a fare a scuola? Leggi bene… altrimenti non sei adatta a frequentare questa scuola! Tantomeno la mia classe!” Erano trascorsi molti giorni da quelle parole, ma Francesca (la chiameremo così) non riusciva a dileguarle dalla sua mente. Quel professore, da lei tanto...

  • Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere
    Il discorso del Re: un film che aiuta a conoscere

    La sensibilità del balbuziente, lo scetticismo nei confronti di una soluzione, la valutazione di una strada che porta alla soluzione solo dopo una sonora sconfitta. Questi alcuni punti toccati dal film “Il discorso del Re”. E’ infatti dopo il clamoroso blocco nel discorso al Wembley Stadium del duca di York, solo dopo Re d’Inghilterra, che la moglie, impeccabile donna che ama incondizionatamente, si mette alla ricerca della...

  • Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi
    Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi

    La radio ai tempi del Re Giorgio VI e facebook ai nostri tempi, due contributi diversi alla comunicazione Dal 1987 le persone trascorrono meno tempo a parlare faccia a faccia. E’ arrivato il computer e spesso, quando facciamo “due chiacchiere”, è la tastiera a vibrare mentre le corde vocali rimangono a riposo per ore. La fa da padrone facebook, che in pochi anni ha conquistato oltre 17 milioni di italiani. Tra loro ovviamente...