Ascolta l'articolo

Scarica l'articolo in PDF

 


Dal web arriva la prova inequivocabile che la balbuzie si può correggere. I progressi sono eclatanti già in 11 giorni.


Con i bambini di 8/9 anni i risultati migliori. Sono loro infatti ad acquisire le correzioni in maniera permanente già nell’arco di pochi mesi. La balbuzie si può correggere e i risultati sono apprezzabili in meno di due settimane ma occorre un mantenimento per consolidare il risultato. Questo è il messaggio chiaro che il Prof. Galazzo manda dal sito http://www.perlaparola.com.

Dieci anni di attività in cui ha visto circa 600 balbuzienti riacquistare la parola. In larga misura giovani fino ai 30 anni ma nel 10 % circa dei casi si tratta di allievi più maturi, anche di 60 anni. “Ho avuto ottime esperienze di rieducazione con gli adulti, ma spesso sono restii a partecipare ad un corso. Pensano erroneamente che sia troppo tardi” afferma Enzo Galazzo, Presidente dell’Associazione “Vivere Senza Balbuzie”, che nella sua pluriennale esperienza di docente-formatore si è impegnato nella ricerca di strategie sempre più efficaci per la terapia della balbuzieg.



Nonostante i risultati siano eccellenti da tempo, la diffusione di questo approccio è ancora appannaggio di una nicchia di avventurieri che, fidandosi della terapia non tradizionale, scoprono che, proprio come diceva una famosa frase, “la felicità è dietro l’angolo“.

Così è nata l’idea di registrare i video degli allievi, circa due anni fa. Il miglioramento è evidente dal confronto Prima/Dopo e non può quindi che essere oggettivo e misurabile. Adesso i video sono diventati tanti e alcuni sono ancora più sconvolgenti di quello pubblicato attualmente sul sito. I feedbacks positivi dei partecipanti al corso arrivano anche dalle lettere di testimonianza che si possono leggere navigando nel sito.

“Siamo ad una svolta, basta con le chiacchiere, bisogna dimostrare con i fatti. Finalmente – dice Galazzo – grazie ad un ragazzo che ha frequentato il corso e che ha acconsentito alla pubblicazione del video, posso dimostrare a tutti, per la prima volta in assoluto, quello che sostengo da tempo: la balbuzie, anche marcata, si corregge con ottimi risultati.”

Per fare questo sono indispensabili dei trattamenti che analizzino anche il lato psicologico del disturbo, e non solo quello strettamente tecnico. Per questo motivo il numero dei partecipanti è limitato, così da favorire una profonda conoscenza dell’allievo da parte dell’ istruttore, per instaurare quel rapporto di fiducia necessario affinché il corso vada a buon fine, fiducia che verrebbe minata se gli allievi fossero numerosi e l’istruttore fosse costretto a dividersi tra tutti loro. In questo modo, ogni allievo avrà un trattamento personalizzato, con i tutti i vantaggi che ciò comporta.

Una seconda fase del corso prevede l’allenamento del pensiero e la gestione dello stato emotivo. Si fa in modo che oltre alla parlata il miglioramento investa anche il modo di leggere e di rapportarsi in pubblico, riacquistando fiducia e alzando il livello di autostima.

Il trattamento prevede un supporto nella vita all’esterno dove si continua ad essere seguiti costantemente anche dopo il corso principale. Al fine di perfezionarsi è consentito e consigliato rifrequentare il corso gratuitamente.

Approfondimenti su:
http://www.viveresenzabalbuzie.it
http://www.perlaparola.com

 

BalbuzieNews.it consiglia anche questi articoli:

  • Bruce Willis e la balbuzie
    Bruce Willis e la balbuzie

      Lo conosciamo come attore di Hollywood ma non tutti sanno che dietro c’è una sofferenza con la balbuzie per i primi 20 anni della sua vita “Avevo forti difficoltà a parlare. Ci mettevo tre minuti per completare una frase. E’ veramente schiacciante voler esprimere se stessi, voler essere ascoltati e non averne la possibilità. Mi faceva paura. Quando interpretai un’altra persona, in un ruolo, la...

  • Ansia, quanto male mi fai?
    Ansia, quanto male mi fai?

      Ansia e balbuzie un binomio indissolubile al centro di alcuni studi internazionali Nessuno direbbe mai che Fiorello è una persona ansiosa. Non lo direste voi, ma è lui stesso a confessarlo ai microfoni di una giornalista durante un’intervista a “La storia siamo noi”. Infatti alla domanda “sei ansioso?” – risponde - “Ammazza! Ho sempre timore di salire sul palco, ma sono riuscito a domare la...

  • Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi
    Il discorso del Re: balbuzie e tecnologia ieri e oggi

    La radio ai tempi del Re Giorgio VI e facebook ai nostri tempi, due contributi diversi alla comunicazione Dal 1987 le persone trascorrono meno tempo a parlare faccia a faccia. E’ arrivato il computer e spesso, quando facciamo “due chiacchiere”, è la tastiera a vibrare mentre le corde vocali rimangono a riposo per ore. La fa da padrone facebook, che in pochi anni ha conquistato oltre 17 milioni di italiani. Tra loro ovviamente...

  • Obama balbuziente?
    Obama balbuziente?

      Ancora una volta si apre la questione dei balbuzienti famosi. Obama fa parlare di se e di una sua presunta balbuzie Sta facendo il giro del mondo attraverso il web  un video dove sono raccolte le prove che il neo eletto 44° presidente degli Stati Uniti sia balbuziente. Di certo sarebbe forse una buona notizia per chi balbetta sapere che l’uomo che ha conquistato 63 milioni e mezzo di consensi, come mai...

  • Bonolis e la balbuzie
    Bonolis e la balbuzie

      Dalla balbuzie a Sanremo. Le luci del più famoso palcoscenico d’Italia illuminano un uomo che conosce bene la balbuzie All’ultimo Sanremo ha sfoggiato la stoffa del fuoriclasse come oratore e organizzatore. Magari qualche intoppo l’orecchio più fine l’avrà pure sentito ma le incespicate insieme alla sua sensibilità lo hanno fatto arrivare al pubblico un po’ più umano di quello che può...